Casa dell'Arte

  • Decrease font size
  • Default font size
  • Increase font size
  • default color
  • red color
  • green color
associazioni
AIDIA

Siamo Architetti e Ingegneri che, in linea con le finalità dell'A.I.D.I.A Nazionale www.aidia-italia.org, ci proponiamo di:
-favorire scambi culturali e professionali;
-organizzare e gestire congressi, conferenze, convegni, corsi di formazione, studio e ricerca nel campo dell'architettura e della città;
-sviluppare legami culturali e professionali con analoghe Associazioni nazionali e internazionali;
-collaborare con la società civile, enti ed istituzioni nei campi dell'architettura e dell'ingegneria, promuovendo innovazioni nel campo legislativo e supportando la veicolazione di buone pratiche.
www.aidiatrieste.org

 
ARTPORT 1

Alla base della creazione di ARTPORT 1 è l’idea di trasformare Trieste in un porto delle arti creative, in cui possano approdare stimoli ed eventi provenienti da tutto il mondo, ma anche dal quale si possa irradiare la produzione culturale della città. Nelle intenzioni dei soci fondatori di ARTPORT 1, l’attività dell’associazione deve contribuire a fare di Trieste un luogo di incontri culturali di interesse internazionale, restituendole così il suo storico ruolo di volano tra le culture del Mediterraneo e dell’Europa continentale. Trieste come porto europeo delle arti par excellence: centro di attrazione, aggregazione e partecipazione culturale di rilievo internazionale.

In questo ambito ARTPORT 1 ha gia prodotto diverse mostre d’arte contemporanea, ma vuole essere anche e soprattutto aperta ai convegni letterali, concerti, rassegne cinematografiche, presentazioni di scrittori, artisti, cineasti, musicisti e fotografi, ponendo – ove possibile – l’accento sugli aspetti comparativistici e interdipliscinari. Una visione che vola in alto, tanto da trasformare un antico porto semiabbandonato, in un “aero-porto”, un frenetico hub, una Casa dell’Arte, un centro di proficui scambi fra artisti, letterati, scrittori, musicisti etc. di ogni provenienza, in uno scenario aperto e libero.

Leggi tutto...
 
CIZEROUNO

Cizerouno Associazione Culturale è nata nel 2001 raccogliendo un’attività interdisciplinare di cui di seguito è riportato schematicamente l’elenco:

Il giardino ibrido, videoinstallazione di Francesco Mariotti, video di Alexader Hahn, VideoFestival di Locarno, gennaio 1999;
Camera Obscura, installazione e performance di Orietta Crispino e Vibeke Jensen, giugno 1999;
A Backwards Glance, Gruppo 78, opere di Nero Materico, Arte Debole, videoinstallazione di Dalibor Martinis, intervento video di Paolo Ravalico Scerri, settembre 1999;
Pittura Lattea, opere pittoriche di Andrea Zorc, giugno 2000;
La stanza critica: Giancarlo dell’Antonia, dicembre 2000;
La stanza critica: Erika Pittis, Le nuove meraviglie di Alice, aprile 2001;
Segno Positivo +, Laura Malacart, Febe Sillani, Lara Soncin, Elisa Vladilo, Roberta Debernardi, Paola Fontana, novembre 2001.

Leggi tutto...
 
DAYDREAMING PROJECT

DAYDREAMING PROJECT

 
FALTWERKSALON

L’associazione faltwerksalon|20x30| salone gemma nasce nel giugno del 2006 a coronamento di quasi un anno di attività iniziato con il primo evento nel settembre del 2005. Le iniziative organizzate fino a quel momento facevano capo ad un gruppo di lavoro informale da tempo attivo sui temi del progetto contemporaneo.Il salone gemma, attualmente sede dell’associazione, è uno spazio- studio, un laboratorio di sperimentazione, un luogo di dibattito ed esposizione per promuovere esperienze dirette sul campo della ricerca architettonica, in relazione al contesto europeo ed internazionale. L’iniziativa mira altresì ad integrare architettura, design, arte e comunicazione, attraverso la progettazione di piattaforme relazionali tra diversi ambiti professionali.La stessa composizione del primo gruppo direttivo sottolinea la ricerca di un’integrazione multidisciplinare: Claudio Farina, architetto e urbanista; Kathrin Villwock, industrial e graphic designer; Paolo Coloni, consulente informatico;

Leggi tutto...
 
GALLERIA PLANETARIO

La Galleria Planetario si propone da sempre come spazio espositivo aperto a proposte artistiche senza confini. Fin dalla fondazione agli inizi del 1976, il Planetario ha dato alla programmazione espositiva e alla promozione culturale, supportate dalla rivista Efolo prima e oggi dal suo sito web, un’impronta fresca e innovativa per Trieste, città spesso solo ai margini di altre realtà culturali.
Con la prima mostra, “Pablo Picasso - opere grafiche”, si è voluto onorare questo artista, per la prima volta a Trieste. Da quella prima fortunata esposizione, il Planetario ha sempre legato il suo nome ad iniziative culturali di valore assoluto: una serie di prime mostre a Trieste che hanno abbracciato e documentato un ampio panorama dell’arte visiva internazionale del Novecento, da Sonia Delaunay, a Cèsar ed Arman, a Vasarely, agli italiani Emilio Vedova, Giulio Turcato...

Leggi tutto...
 
GRUPPO78

Il Gruppo78 associazione culturale no profit – che ha oltrepassato il traguardo dei trent’anni di vita - ha come obiettivo principale la promozione e la diffusione dell’arte contemporanea, nelle sue forme più innovative. Ha lavorato su due versanti : quello di una spettacolarità sperimentale, e quella, fondamentale con oltre 350 iniziative, di eventi d’arte.

Il Gruppo 8 ha innanzi tutto individuato e promosso nuovi artisti del territorio, realizzando scambi internazionali (specie con Slovenia e Austria) ma anche con  altri paesi come gli U.S.A. Ha realizzato innumerevoli mostre con svariate collaborazioni, sia pubbliche che private, tutte incentrate sulla contemporaneità, interessandosi alla multimedialità, ai nuovi scenari artistici introdotti dalle tecnologie avanzate, al rapporto arte moda, alla Public Art; di recente al rapporto tra maggioranza italiana e minoranza slovena nel nostro territorio dopo la caduta dei confini.

Leggi tutto...
 
JULIET

L’Associazione Juliet, con sedi a Trieste e Muggia, nasce nel 1987 con l’intento di promuovere la conoscenza e la diffusione dell’arte contemporanea, in tutte le sue manifestazioni, dentro e fuori il territorio del Friuli Venezia Giulia, privilegiando un discorso di innovazione e nuove proposte con lo scambio di esperienze soprattutto legate alla creatività giovanile e al mondo della scuola e della formazione artistica.
Nel corso degli anni ha radicato la sua presenza anche nel contesto nazionale e internazionale, grazie alla pubblicazione della rivista Juliet Art Magazine, curando anche l’edizione di cataloghi e l’organizzazione di mostre d’arte e soprattutto dal 2005 facendosi promotore del Festival Triestèfotografia, che ha visto una sempre più massiccia presenza di operatori artistici, fotografi, critici, galleristi e che ha riscosso un grandissimo interesse da parte del pubblico di tutta la regione.

Leggi tutto...
 
L'OFFICINA

Dopo aver svolto già alcuni anni di attività, l'Associazione culturale L'Officina si costituisce ufficialmente nel 1981 prendendo il testimone (e la sede di via Torrebianca 41) dall'Associazione La Cantina, sodalizio triestino con interesse prevalente nel teatro sperimentale. Figure chiave in questo passaggio di consegne furono Alma Dorfles e Franco Jesurun.
L'Associazione svolge un'intensa attività di promozione culturale e di ricerca storica che sfociano anche in importanti mostre e collaborazioni con istituzioni pubbliche cittadine (da citare almeno la prolungata collaborazione con il Museo Schmidl).
Prevalente è la promozione delle arti visive (a cominciare dalla prima rassegna assoluta a Trieste di video arte 1981 e dalla prima mostra di arte contemporanea della città di Udine, "Arte all'aria" promossa dall'Officina nel 1983).

Leggi tutto...
 
MIMEXITY
MIMEXITY
 
PHOTO IMAGO

L'Associazione Photo-Imago nasce a Trieste nel 1983 su iniziativa di alcune persone che ritenevano ormai improcastinabile l'avvio anche nella città di Trieste di un organica e continuativa attività espositiva nel settore della fotografia d'autore, ormai presente in varie altre località italiane dopo la grande esposizione del '79 a Venezia. Si volle cogliere anche la grande opportunità che la cultura cittadina, vicina non solo geograficamente al bacino danubiano, poteva offrire al panorama italiano. La principale linea assunta fu quella di interagire con le altre realtà nazionali e non, già attive nel settore a mezzo di mostre e manifestazioni di interscambio, onde permettere di far conoscere all'esterno gli autori più meritevoli d'attenzione operanti nella nostra Regione e, nel contempo, portare a Trieste realtà espressive già affermate altrove.

Leggi tutto...
 
SCUOLA DEL VEDERE

La Scuola del Vedere - Libera Accademia di Belle Arti è tra le più longeve associazioni culturali di Trieste. La sua fondazione risale infatti al 1988 grazie alla volontà e l'impegno del critico d'arte, nonchè pittore e scenografo, Luigi Danelutti quando aprì un'Accademia estiva a Duino, con insegnanti statunitensi ed allievi d'oltre oceano ma anche con molti giovani triestini, friulani e sloveni.
Da allora i vari corsi e laboratori artistici si sono moltiplicati, e l'istituzione - guidata dal 1996 da Donatella Surian - si è da tempo trasformata da estiva a permanente.

Leggi tutto...
 
STUDIO OPENSPACE

STUDIO OPENSPACE

 
STUDIO TOMMASEO

Lo 'Studio Tommaseo - Istituto per la documentazione e la diffusione delle arti' nasce nel 1993 dalla trasformazione della Galleria Tommaseo, gestita da Franco Jesurun e attiva dal 1974 in via Canalpiccolo e poi dal 1984 in via del Monte.
Derivando da una delle uniche realtà vitali della città nel proporre le tendenze attuali dell'arte in un momento di vuoto istituzionale (la prolungata chiusura del Museo Revoltella) lo Studio Tommaseo si caratterizza negli anni anche per un approccio multidisciplinare alla contemporaneità collaborando con l'Associazione L'Officina

Leggi tutto...
 
TERREDARTE

L’Associazione Culturale Terredarte è stata fondata nell’ottobre 2004 con l’intento di attivare nella città di Trieste una serie di attività ed eventi finalizzate alla diffusione della cultura del progetto, nelle sue differenti ed eterogenee manifestazioni.
L’idea dei curatori è quella di presentare la complessità del tema del Progetto attraverso i racconti e la voce dei protagonisti, e di costruire quindi le esposizioni attorno ad una ricca rete di interviste e testimonianze scritte che possano presentare i temi trattati attraverso molteplici punti di vista e prospettive storiche.

Leggi tutto...
 
TRIESTE CONTEMPORANEA

Trieste Contemporanea. Dialoghi con l'arte dell'Europa centro orientale' è un comitato di istituzioni e associazioni culturali nato nel giugno 1995 con l'obiettivo di valorizzare il ruolo di Trieste come cerniera tra l'Occidente europeo, i paesi dell'Europa orientale e quelli del bacino del Mediterraneo e costituire a Trieste un osservatorio permanente sulla situazione contemporanea dell'arte e della cultura dell'Europa centro orientale. Il progetto ha trovato fin dalla prima edizione autorevoli consensi (dal sostegno iniziale della Camera di Commercio triestina, al riconoscimento di organismo culturale di interesse regionale da parte della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, a quelli di importanti istituzioni internazionali).
Attraverso collaborazioni, coproduzioni e scambi internazionali, ha prodotto iniziative dedicate all'arte visiva, alla musica, al cinema, alla letteratura, alla multimedialità, al teatro, all'architettura e al design si sono susseguite a Trieste e all'estero.

Leggi tutto...